Archive for the 'Michelangelo' Category

La Tentazione Di Adamo Ed Eva

la-tentazione-di-adamo-ed-evaLungo la sezione centrale della volta della Cappella l’artista dipinse nove pannelli tratti dal libro della Genesi:nel sesto comparto vi sono raffigurati sulla sinistra il Peccato Originale e sulla destra la Cacciata dal Paradiso Terrestre. Nel La tentazione di Adamo ed Eva la figura del demonio diviene un corpo di donna le cui gambe si mutano in serpenti avvolti intorno al tronco dell’albero. Quest’ultimo e’ un fico, allegoria del fatto che i due si coprirono con foglie di fico. La figura tentatrice passa a Eva proprio due fichi, perche’ ne mangi uno e dia l’altro ad Adamo, il quale ne indica un terzo.Risalta la bellezza sensuale della donna, esortazione alla lussuria e alla debolezza dell’uomo.

Affresco
280×570
Volta della Cappella Sistina, Vaticano

Geremia

geremiaL’affresco si trova nella nona campata ,partendo dalla porta, e fu una delle ultime figure ad essere dipinte.
Raffigurato profondamente calato in se stesso, Geremia è intento ad accarezzarsi la barba, con le gambe incrociate e il gomito appoggiato sopra un ginocchio, l’altra mano nel grembo, con la testa malinconicamente china, amareggiato e pensieroso per la sorte del suo popolo. nfattiInfatti nel Libro di Geremia si legge come avverrano tempi di sceleratezza e lontananza degli uomini da Dio, superati con una nuova alleanza,simbolo della venuta di Cristo, nonché la fine dei tempi,allegoria della seconda venuta.Gli assistenti, non sono due fanciulli, come per le altre rappresentazioni, ma due adulti vestiti in abiti contemporanei. Sono un uomo con mantello e cappuccio rosso scuro e una donna con una sottoveste bianca e una veste verde chiaro. L’espressione della donna in particolare è di forte espressività,grave e luttosa.

Affresco
390 x 380 cm
Particolare della volta della Cappella Sistina,
Vaticano,Roma.

Giudizio Universale

Giudizio_UniversaleIntorno al 1534 fu conmmissionata a Michelangelo la decorazione della parete di fondo della Cappella Sistina.L’artista ritornava alla cappella dopo oltre vent’anni dall’esecuzione degli affreschi della volta.La rappresentazione del Giudizio Universale segnò un cambiamento radicale rispetto alle tendenze decorative presenti negli affreschi della cappella.Grazie all’eliminazione di ogni elemento architettonico e spaziale,raffigurando molte figure ignude secondo una struttura senza alcuna divisione in scene,Michelangelo annulla la consistenza della parete,proponendola in un cielo privo di profondità animato da una catena di impulsi dinamici.Le figure si dividono in gruppi disarticolati partecipi al movimento vorticoso e rotatorio,che arriva sino al gesto del Cristo posto al centro della rappresentazione.Inoltre l’artista accresce le proprorzioni delle figure secondo andamento ascensionale,sconvolgendo la staticità del dipinto e accentuando la varietà degli atteggiamenti e il dinamismo dei personaggi rappresentandoli in diversi scorci.Michelangelo rinuncia anche alla ricca gamma di colori usata negli affreschi della volta ridocendola a soli due toni,che contribuiscono a dare al dipinto una atmosfera di profonda austerità.

Affresco
13,70×12,20 m
Vaticano,Cappella Sistina,Roma

Creazione di Adamo

Creazione_di_AdamoCol procedere del lavoro per la Cappella Sistina si accresce l’intensità espressiva dello stile di Michelangelo,che dalla statuarietà con cui raffigura le prime sezioni,passa ad un fortissimo dinamismo.Con quetsa tecnica Buonarroti unisce nell’immagine di Dio le sembianze dell’uomo e l’energia delle forze dell’universo.Nella Creazione di Adamo trasmette al corpo perfetto giacente dell’uomo una forza di vita che irrompe da tutto il suo essere.Adamo è rappresentato col corpo privo di forze, il braccio sollevato fatica mentre cerca il contatto con Dio.Dio viene raffigurato nel gesto del tocco con un esplosione di potenza e di energia,contornato dalla schiera di dodici angeli.Solo negli ultimi anni si è scoperto che la composizione di Dio,gli angeli e il mantello sembri raffigurare la sezione destra del cervello,probabilmente allegoria voluta dallo stesso Michelangelo.


Affresco
280×570
Volta della Capella Sistina,Vaticano