Geremia

geremiaL’affresco si trova nella nona campata ,partendo dalla porta, e fu una delle ultime figure ad essere dipinte.
Raffigurato profondamente calato in se stesso, Geremia è intento ad accarezzarsi la barba, con le gambe incrociate e il gomito appoggiato sopra un ginocchio, l’altra mano nel grembo, con la testa malinconicamente china, amareggiato e pensieroso per la sorte del suo popolo. nfattiInfatti nel Libro di Geremia si legge come avverrano tempi di sceleratezza e lontananza degli uomini da Dio, superati con una nuova alleanza,simbolo della venuta di Cristo, nonché la fine dei tempi,allegoria della seconda venuta.Gli assistenti, non sono due fanciulli, come per le altre rappresentazioni, ma due adulti vestiti in abiti contemporanei. Sono un uomo con mantello e cappuccio rosso scuro e una donna con una sottoveste bianca e una veste verde chiaro. L’espressione della donna in particolare è di forte espressività,grave e luttosa.

Affresco
390 x 380 cm
Particolare della volta della Cappella Sistina,
Vaticano,Roma.

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply