Archive for the tag 'dipinto klimt'

Danae

danae
Soggetto tratto dalla mitologia greca antica:
Danae fu fecondata nel sonno da Zeus, trasformatosi in pioggia d’oro. La donna e’ rappresentata rannicchiata in primo piano, ripiegata su sé stessa, avvolta in una forma circolare, che descrive maternita’ e fertilita’ universale. Serenita’ e pace si leggono sia volto sia nella posizione della fanciulla. Il corpo completamente abbandonato di Danae e’ circondato e ricoperto dai capelli, da un velo orientaleggiante e sulla sinistra da una pioggia d’oro. Nello scroscio della pioggia d’oro, l’artista aggiunge un simbolo, un rettangolo verticale nero che rappresenta il principio maschile.

Olio su tela
77×83
Collezione privata

Ritratto di Margaret Stonborough-Wittgenstein

ritratto-di-margaret-stonborough-wittgenstein L’artista si ispira allo stile di Hoffmann e di Moser.Nello sfondo la striscia bianca orizzontale stacca la testa dal corpo, il volto e’ quasi coronato dalla forma ondulata dello sfondo , insieme alle mani, spicca vigorosamente rispetto alla nuvola bianca dell’abito.L’opera non piacque alla famiglia che lo abbandono’ nella casa di campagna, dove fu ritrovata in pessimo stato dal figlio della Wittgenstein.


Olio su tela
180×90 cm
Neue Pinakothek,Munchen

Pannello Medicina

MedicinaNel 1894 Gustav Klimt ottienne l’incarico di realizzare alcuni pannelli decorativi per l’Aula Magna dell’Università di Vienna,per rappresentare la filosofia,la medicina e la giurisprudenza.In Medicine(Hygieia) si possono osservare gruppi di figure:donne nude incinte,bambini, vecchi, e scheletri,analogia dello scorrere della vita: nascita, crescita, generazione, morte.In primo piano vi è Igea, dea della salute. Raffigurata come una sorta di maga che volge le spalle all’umanità, impotente nei confronti del destino,simil analogia della scienza medica conosciuta in quel periodo.

olio su tela
430 x 300 cm
bruciato nell’incendio del Castello di Immendorf

Le tre età della donna

Le_tre_età_della_donnaNel dipinto Le tre età della donna Klimt distribuisce lo spazio su un fondo orizzontale semi dorato,mentre le figure sono strette in un angusto spazio decorativo al centro del quadro.L’opera raffigura,in chiave simbolica,le tre fasi della vita femminile: l’infanzia,la maternità e l’inevitabile declino della vecchiaia.Lo scorrere della vita è indicato sia dalle posizioni delle figure,sia dalla decisione di rappresentarle nude.L’anziana viene raffigurata di profilo scuro per evidenziare,attraverso un forte realismo modellato, la deformazione provocata dal tempo sul corpo.Ritratta con un gesto disperato nel coprirsi il volto con le mani ,probabile rifiuto della realtà.La giovane invece viene rappresenta frontalmente. Rispetto all’anziana,il nudo appare piatto e luminoso nella colorazione,allegoria di maternità sacra a cui sembra riferirsi anche la corona di fiori sulla testa.Il drappo trasparente avvolto intorno alle gambe sembra assumere la forma di un serpente,allusione del male sempre in agguato.La bimba invece è ritratta di tre quarti con il corpo paffuto e arrotondato, abbandonata in un sonno profondo.

Olio su tela
180×180 cm
Galleria Nazionale d’Arte Moderna,Roma

Nuda Veritas

Nuda - veritasUscito dalla scuola d’arte applicata di Vienna,con i fratelli Ernst e Franz,Klimt si dedicò alla pittura decorativa di grandi ambienti pubblici.Già in questi ultimi lavori compaino le inclinazioni simboliche e la tendenza alla stilizzazione tipiche delle sue opere negli anni successivi.Gradualmente il suo linguaggio andava orientandosi verso una linea di grande raffinatezza,sostenuto dal gusto decorativo e da un cromatismo innovativo che diedero atto ad una figurazione attraversata da forti valenze simboliche come nella pittura esplicita ed allegorica della Nuda Veritas.La verità,rdipinta nuda,esorta a sfuggire dalla menzogna,rappresentata dallo specchio,vincendo sulla falsità,raffigurata dalla serpe nera che giace morta ai suoi piedi.


Olio su tela
252×56,2 cm
Osterreichisches Nationalbibliothek,Vienna