Archive for the tag 'poster Van Gogh'

Autoritratto Con Fascia E Pipa

autoritratto-con-fascia-e-pipa
L’episodio piu’ grave accadde nel dicembre del 1888: Van Gogh avrebbe rincorso per strada Gauguin con un rasoio, rinunciando ad aggredirlo quando Gauguin si volto’, affrontandolo. Tornato a casa, mentre Gauguin ando’ ad alloggiare in albergo, preparandosi a lasciare Arles, Van Gogh, in preda ad allucinazioni, si taglio’ meta’ dell’orecchio sinistro, lo incarto’, lo consegno’ a Rachele, una prostituta del bordello che i due pittori erano soliti frequentare, e torno’ a dormire a casa sua. La mattina seguente venne fatto ricoverare dalla polizia in ospedale: ne usci’ il 7 gennaio 1889.

Olio su tela
1889
Collezione Privata

Marguerite Gachet nel giardino

Marguerite_Gachet_nel_giardinoIntorno al 1890 l’artista partì per stabilirsi a Auvers-sur-Oise,dove conobbe un medico amico del fratello, il dottor Gachet che si sarebbe preso cura di lui.Frequentando spesso la sua casa, ritrasse due volte la figlia Marguerite Marguerite.Ispirandosi ai colori di Monet e Renoir,nell’opera “Marguerite Gachet nel giardino” Gachet nel giardino” la giovane figlia del dottore viene ritratta nel giardino di casa in una soleggiata giornata di giugno.

Olio su tela
46 x 55 cm
Musée d’Orsay,Parigi

Camera di Van Gogh ad Arles

camera-daletto-27x40Molti critici dell’arte vedono in questo dipinto, che rappresenta la camera di Van Gogh, il desiderio mancato di rappresentare il sonno e il riposo, purtroppo difficili da raggiungere a causa dello squilibrio mentale che si manifestava sempre piu’nell’artista. Nella camera abbandonata regna la calma, ma si tratta di una calma senza speranza che induce alla tristezza, nonostante i colori siano brillanti e puri, senza ombre.

Olio su tela
72×90 cm
Van Gogh Museum,Amsterdam

Vasi con dodici girasoli

girarsoliI girasoli sono una serie di dipinti ad olio su tela realizzati tra 1888 e il 1889 ad Arles da Vincent Van Gogh, uno dei soggetti preferiti dal pittore.
Ne esisono varie versoni, il primo dipinto e’ proprio Vaso con dodici girasoli,conservato alla National Gallery di Londra. Tutti i dipinti mostrano girasoli in ciascuna fase della fioritura, dal bocciolo all’appassimento, innovativi per l’uso intenso del giallo.

Olio su tela
91×72 cm
National Gallery,London

Campo di grano con corvi

campo-di-grano-con-corvi60x33Questo e’ uno degli ultimi quadri che Vincent dipinse prima di suicidarsi. Qui l’artista rappresenta i tratti che hanno caratterizzato tutta la sua vita, il cielo turbolento e il voo minaccioso dei corvi, il tormento e la pateticita’. Il dipinto e’ molto simbolico, il grano indica fertilita’, e quindi la vita, la stradina, cosi tortuosa, proprio come la vita del pittore. In fondo il cielo minaccioso di tempesta ed i corvi neri, sono portatori di morte.
La forte contrapposizione di colori sono la contrapposizione della vita con la morte.
Questo campo e’ riconoscibile come quello in cui si suicido’ Van Gogh, infatti si e’ creduto che questo potesse essere il suo ultimo quadro, dipinto il giorno stesso del suicidio.

Olio su tela
50,3×103 cm
Van Gogh Museum,Amesterdam

La casa gialla

helbers-haus37x50La casa gialla e’ un dipinto olio su tela di cm 76×94 realizzato nel 1888 da Van Gogh. E’ conservato al Van Gogh Museum di Amsterdam.
Il soggetto del dipinto e’ uno scorcio di Arles, citta’ nel dipartimento delle Bocche del Rodano, dove Van Gogh prese in affitto la casa ritratta al centro della tela in attesa dell’amico Gauguin, con il quale avrebbe dovuto creare un circolo di artisti.

Contadini in siesta

20x30L’ effetto straordinario del colore usato in un secondo momento da Van Gogh lo si puo notare in una copia di Millet, lo si ritrova nel Contadini in siesta. L’arancio dorato delle messi tagliate, in covoni o ammucchiate, il celeste dello scorcio di cielo, che ricompare negli abiti azzurri dei contadini addormentati all’ombra, distesi a cercare roparo dal calore pomeridiano. Nel sonno sembrano quasi formare un tutt’ uno con la natura: terra e cielo, uomo e natura costituiscono un’ unita’, si appartengono.
Olio su tela 73×91 cm.
Parigi Musee D’Orsay.

Pieta’

la-pieta40x32Van Gogh riprende e rivisita la Pieta’ di Delacroix. Centro della Pieta’ di Van Gogh e’ la figura della Mater dolorosa, le sue mani protese in avanti, dure incallite mani da contadine, si richiamano direttamente al pensiero dell’autore attento alle ragioni e sofferenze di ultimi e reietti. I colori sono ridotti ad una piccola gamma, ma in tutto il suo vigore, azzurri, grigi e gialli. Madre e figlio sono rinchiusi in un gruppo solitario e compatto, di chiaro rimando michelangiolesco.

Stampe Van Gogh

Oliveto

30x35oliviersAnche questo dipinto appartiene al periodo in cui l’ artista e’ ricoverato in ospedale, qui il paesaggio e’ grandioso e tormentato, e fornisce un fertilissimo terreno alla fantasia del pittore.
Cosi’ gli Oliveti con i rami contorti e quasi supplicanti al cielo, emblemi del martirio di Cristo e del pittore stesso.
Olio su tela 72x92cm.
Otterlo, Kroller-Muller Museum.