Archive for the tag 'stampa caravaggio'

Amor Vincit Omnia

amor-vincit-omnia
Amor vincit omnia iconograficamente rappresenta la vittoria dell’amore sulle arti, qui raffigurate dallo spartito, nei libri e negli strumenti musicali ai piedi del fanciullo.Grande ammiratore ed ispiratosi all’artista Michelangelo, Caravaggio dipinge il putino nella posa a gambe sollevate o divaricate,probabile allegoria di resurrezione, vittoria o trionfo.Si racconta che l’opera divenne molro celebre, tanto che Giovanni Baglione, rivale dell’artista , tentera’ inutilmente di dipingerne una copia.

Olio su tela
1603
Staatliche Museen, Berlino

Adorazione dei pastori

adorazione-dei-pastoriNel corso di un breve soggiorno a Messina, Caravaggio ricevette dal senato incarico di relaizzare un’opera che avrebbe ornato l’altare maggiore della chiesa di Santa Maria della Concezione,in cambio avrebbe ricevuto il compenso di mille scudi, una delle più alte cifre della sua carriera. La scena è ambientata all’interno di una stalla dove Maria, sfinita dal viaggio e dal parto, giace sdraiata per terra reggendo in grembo il bambinello che dorme. Davanti a loro, San Giuseppe e i pastori,uno dai quali dalla spalla scoperta,sono disposti in maniera da formare una croce.Sullo sfondo il bue e l’asino chiudono l’opera insieme alla mangiatoia.

Olio su tela
314 × 211 cm
Museo Regionale, Messina,Italia.

Crocefissione di San Pietro

Crocefissione_di_San_PietroNella Crocefissione di San Pietro il fatto sacro è raffigurato come un evento di umile vita:il martire e i tre aguzzini intenti a sollevare faticosamente la croce sulla quale è stato inchiodato San Pietro.Una complessa struttura impostata su più diagonali intersecanti,formate dalla croce e dalla schiena dell’aguzzino,rivela una nuova tecnica compositiva:il contiunuare degli assi e delle diagonali assegna alle immagini uno sconfinamento oltre il limite della tela,eliminando l’illusionismo prospettico rinascimentale.In questa tela si osserva anche il passaggio dallo stile luminoso e chiaro ad uno nuovo stile “tenebroso”.La luce,pur conferendo tridimensionalità alle figure,non approfondisce lo spazio poichè le forme emergono dall’oscurità.

Olio su tela
230×175 cm
Santa Maria del Popolo-Cappella Cerasi,Roma